Itinerario per i borghi dell’entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Purtroppo come possiamo notare immediatamente guardando fuori dalla finestra l’autunno è arrivato con prepotenza portando con sé freddo e pioggia. Tuttavia anche in questa stagione si può sperare in alcune giornate di sole per fare qualche bella gita fuori porta, che dite? Nei prossimi post voglio darvi un po’ di spunti per passare qualche domenica un po’ diversa dal solito e magari farvi conoscere anche un po’ meglio alcuni luoghi della mia regione, l’Emilia Romagna!

Siete pronti?

Sicuramente molti di voi conosceranno la riviera romagnola soprattutto per le sue due capitali del divertimento estivo, ovvero Rimini e Riccione, ma magari non tutti sanno che l’entroterra romagnolo è costellato di piccoli borghi tutti da scoprire, ognuno con la sua rocca o castello da visitare.

Io in una domenica di due anni fa sono riuscita a visitarne 5 e adesso ve li voglio illustrare, premetto che alcuni di loro sono davvero piccoli e il giro per visitarli si fa molto in fretta!

Il primo borgo che abbiamo incontrato è stato Montegridolfo, posto a guardia del crinale che divide la valle del Conca, sul versante romagnolo, da quella del Foglia, sul versante marchigiano. Questo grazioso borgo è stato interamente restaurato per favorirne la ricezione turistica, infatti è curato in ogni suo più piccolo dettaglio. E’ raccolto tutto intorno al castello, che oggi però è stato trasformato in albergo, e un’immersione nei suoi vicoli non vi farà perdere più di mezz’ora.

 

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Un altro piccolo borgo che impiegherete poco a visitare è quello di Mondaino, celebre soprattutto per la sua piazza circolare, soprannominata “la Padella”, in quanto la sua forma ricorda questo arnese da cucina.

 

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Il terzo borgo che abbiamo visitato è stato quello di Saludecio, che è anche quello che mi è piaciuto più di tutti per via della sua caratteristica principale, ovvero più di 40 murales dipinti lungo i muri dei suoi vicoli. I murales sono davvero belli e colorati e ricordano il borgo di Dozza Imolese celebre per lo stesso motivo.

 

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Qui non posso pubblicare tutte le foto che ho fatto perché sono davvero tante, ma molti meritano davvero!

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Il quarto borgo visitato è quello di Montefiore Conca, dove abbiamo trovato anche una sagra di paese.

 

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Qui si può fare un giro in salita fino alla Rocca Malatestiana, da dove lo sguardo può spaziare lontano verso le colline romagnole. Montefiore Conca è così ben conservato che è entrato di diritto a far parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia.

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Il nostro giro si è poi concluso con il borgo di San Giovanni in Marignano, che però è anche quello che ci è piaciuto meno.

 

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

Itinerario per i borghi dell'entroterra romagnolo: 5 paesi da non perdere

E’ però da segnalare la famosa “Notte delle Streghe” che si svolge ogni anno verso fine giugno e dicono essere molto carina…io non sono ancora riuscita ad andarci ma spero di provvedere presto, vi terrò aggiornati!

Lascia un Commento