Vacanze in barca a vela: intervista ai creatori del sito di noleggio Yupsail

Sono ormai certa che tutti quelli che mi conoscono personalmente sappiano quanto io sia appassionata di viaggi.

E credo che qualcosa abbia iniziato ad intuire anche chi mi segue in rete, dal momento che da un paio di anni a questa parte ho aperto un mio blog di viaggi in cui racconto tutti gli itinerari che organizzo in giro per l’Italia e all’estero.

Chi mi ha dedicato un po’ del suo tempo si sarà accorto che ho una certa predilezione per i viaggi in macchina, i cosiddetti on the road, perché mi fanno sentire libera di cambiare una destinazione in itinere o magari di aggiungerne un’altra all’ultimo minuto.

Come mezzo di trasporto non disdegno di certo l’aereo, molto più raramente mi è capitato di utilizzare treni o autobus per lunghi tragitti.

Una modalità di spostamento che non avevo mai preso troppo in considerazione finora era quella tramite mare.

E sicuramente fino a poco tempo fa non avevo mai valutato di fare una vacanza interamente a bordo di una barca a vela.

A mettermi la pulce nell’orecchio sono stati due ragazzi che si sono da poco buttati in un progetto online interessante, che consiste nel noleggio di barche a vela e a motore in modo diretto tra chi le possiede e chi le cerca, senza necessità di alcun intermediario: i ragazzi in questione si chiamano Andrea e Arturo, e il sito web che hanno creato porta il nome di Yupsail.


Ma visto che loro hanno sicuramente più competenze di me in materia e che ho avuto la fortuna di conoscerli di persona, direi che potrebbe essere utile ascoltare come è nata ed è stata sviluppata questa idea direttamente dalle loro parole. Perché spesso è bello anche scoprire chi si “nasconde” dall’altra parte dello schermo.

Andrea
Arturo

1) Ragazzi che dite, vi va di presentarvi? Chi siete e cosa fate nella vita?

Arturo: 33 anni. Lavoro nello sviluppo software da quasi 10. Ho la patente nautica ed il brevetto da sub. Non posso negare di essere un amante del bel mare, specialmente della costa alta.

Andrea: 27 anni. Come Arturo lavoro nello sviluppo software, ma da circa 4 anni. Ho una grande passione per la vela in particolare per gli aspetti tecnici di questa e le uscite “avventurose”.

2) Come è nato il vostro progetto? L’idea è venuta ad uno dei due o è partita da entrambi?

Andrea: lavoravo con Arturo nel periodo in cui aveva appena preso la patente. Mi disse che cercando una barca a vela a noleggio su internet si trovano solo siti di agenzie o portali che non permettono di prenotare subito ma propongono di mettersi in contatto con il proprietario o con un broker.

Arturo: proprio così, siamo abituati a prenotare voli, hotel, cene con un click, abbiamo percepito una mancanza.

3) Quindi avete unito le vostre competenze informatiche alla vostra grande passione per il mare, giusto?
Arturo: esattamente. Andrea è un ottimo web designer ed io ho esperienza nella programmazione. Abbiamo selezionato insieme le tecnologie e dopo un’analisi accurata ci siamo buttati nello sviluppo.

4) Che cos’ha Yupsail di innovativo rispetto agli altri siti che si occupano del noleggio di barche?

Arturo: per chi possiede una barca, la possibilità di caricare le proprie disponibilità in autonomia. Senza mandare foto e schede per mail.

Per chi la cerca, la prenotazione avviene con un click.

5) Cosa direste ad un utente qualsiasi per convincerlo a scegliere proprio la vostra piattaforma rispetto ad altre?

Andrea: YupSail é l’unico portale dove le barche trovate sono davvero disponibili e col prezzo finito chiaramente esposto. YupSail trattiene l’acconto, pertanto il turista é tutelato.

Arturo: aggiungo che chi trova una barca interessante fuori dal network può chiedere all’armatore di utilizzare la “proposta” di YupSail, una funzionalità gratuita che permette all’armatore di far recapitare una mail con tutti gli estremi della vacanza al turista, il quale potrà accettarla versando l’acconto con un click dopo aver visionato tutti gli estremi, sfruttando le tutele e la velocità del nostro portale.

6) Oltre alla parte tecnica del sito vi occupate anche della parte pratica del viaggio? Possiamo trovarvi come skipper a bordo di una delle barche che proponete?

Arturo: no, in barca ci andiamo solo per divertimento.

7) Una curiosità da parte di chi si occupa principalmente di viaggi low cost e quindi presta particolare attenzione al portafoglio: le vacanze in barca a vela possono essere alla portata di tutti o si rivolgono soprattutto ad un pubblico più benestante rispetto alla media? Esiste qualche piccolo espediente per cercare di risparmiare qualcosa (se si può dire)?

Andrea: I viaggi in barca sono assolutamente alla portata di tutti. Più di quello che si immagina. Espedienti per risparmiare sono due: se possibile scegliere la bassa stagione e valutare più alternative possibile.


Grazie davvero ragazzi per aver accettato di rispondere senza chiusura a tutte le mie domande, le vostre spiegazioni sono state davvero utili per aiutare tutti quelli che fino ad ora avevano qualche perplessità e non avevano preso in considerazione questa tipologia di viaggio!

Io per quest’anno purtroppo ho già esaurito il mio bonus di ferie, ma chissà che l’anno prossimo non ci scappi proprio un bel giro via mare?
Nell’eventualità, so già dove andare per trovare tutte le informazioni che mi servono! 
Per visitare il sito di Yupsail, cliccate qui!

Lascia un Commento