Mini guida dei musei gratuiti di Edimburgo: quali vedere in pochi giorni

La Scozia, e la sua capitale Edimburgo nello specifico, non sono proprio famose per essere destinazioni a buon mercato: durante i miei tre giorni trascorsi là ho potuto constatarlo anch’io, e purtroppo devo confermare questa voce che avevo sentito prima della partenza.

Non disperatevi troppo però, adesso arriva anche una bella notizia per rallegrarvi un po’ gli animi: nonostante il costo della vita sia abbastanza alto e molti degli ingressi alle attrazioni turistiche principali siano alquanto elevati, dovete sapere che molti musei pubblici ad Edimburgo sono completamente gratuiti. Avete capito bene, in questi potrete entrare senza spendere neppure una sterlina! 

Noi avremmo voluto approfittare al massimo di questa opportunità, ma nei nostri pochi giorni a disposizione abbiamo dovuto fare una selezione piuttosto rigida, riuscendo a ritagliarci il tempo per appena 3 di essi, che ora vi vado ad illustrare nello specifico.

Mini guida dei musei gratuiti di Edimburgo: The Writer’s Museum

The Writer’s Museum è proprio la tipologia di museo che piace a me: piccolo, molto intimo, ma con una storia centenaria da custodire e tramandare. Nello specifico questo tesoro, leggermente nascosto tra i vicoli appena fuori da Lawnmarket, in Lady Stair’s Close, celebra la vita di tre grandi nomi della letteratura scozzese: Robert Burns, Sir Walter Scott e Robert Louis Stevenson.

Il percorso museale si sviluppa fra i libri, i manoscritti, i ritratti e gli oggetti personali più importanti degli autori in questione: nel corso delle vostra visita potrete ammirare la scrivania e un calco in gesso del cranio di Burns, un cavallo a dondolo e la macchina da stampa appartenuti a Scott, e gli stivali da equitazione tanto cari a Stevenson, oltre all’armadio realizzato da Diacono Brodie, artigiano dalla doppia vita che sembra aver ispirato il suo romanzo “Lo strano caso del Dr. Jekyll e di Mr. Hyde”.

Le sale espositive sono davvero raccolte e non impiegherete molto a completarne il giro, io sono un po’ di parte ma consiglio davvero questa immersione in un piccolo spaccato della letteratura dei secoli scorsi a tutti, amanti dei libri e non solo.

Mini guida dei musei gratuiti di Edimburgo: quali vedere in pochi giorni

Mini guida dei musei gratuiti di Edimburgo: Scottish National Gallery

Di tutt’altro tipo è il secondo museo che abbiamo visitato, la Scottish National Gallery, ovvero una delle gallerie d’arte più importanti dell’intera Gran Bretagna. Anche la location è alquanto distante da quella precedente: dagli stretti vicoli della Royal Mile si passa infatti alla vastità dei Princes Street Garden, in pieno centro città, dove il museo si colloca all’interno di un grande edificio in stile neoclassico risalente al 1859.

La sua collezione di dipinti dedicata agli autori scozzesi è la più ricca del mondo, ma anche a livello internazionale racchiude opere di grande prestigio, tra cui capolavori di artisti del calibro di Botticelli, Raffaello, Tiziano, Rembrandt, Turner, Monet, Van Gogh e Gaugin, soltanto per citarne alcuni. Il museo, inaugurato a metà dell’Ottocento, si è andato arricchendo progressivamente nel corso degli anni, diventando una delle più raffinate collezioni di pitture occidentali del mondo.

Devo ammettere che le pinacoteche non sono proprio la mia passione, ma la gratuità dell’ingresso e le comode poltrone disseminate lungo tutto il percorso per ammirare al meglio i quadri hanno fatto la differenza! 

Mini guida dei musei gratuiti di Edimburgo: quali vedere in pochi giorni

Mini guida dei musei gratuiti di Edimburgo: Scottish National Portrait Gallery

Il terzo ed ultimo museo gratuito che siamo riusciti a visitare durante il nostro weekend lungo ad Edimburgo è stata la Scottish National Portrait Gallery, un grande edificio in arenaria rossa in stile neo-gotico, collocato proprio al centro di Queen Street. Progettata da Sir Robert Rowand Anderson e aperta al pubblico nel 1889, è stata la prima galleria al mondo dedicata esclusivamente ai ritratti.

Al suo interno potrete esplorare diversi aspetti della storia della Scozia e della sua gente, raccontati attraverso una vasta gamma di immagini tra cui i ritratti di personaggi storici famosi come Maria Stuarda, il principe Carlo Edoardo Stuart e Robert Burns, fino ad arrivare alle personalità di spicco nel campo di scienza, sport ed arte degli ultimi anni.

Lungo il percorso espositivo si alternano grandi gallerie illuminate a sale più piccole ed intime, e su tutte spicca la suggestiva Biblioteca vittoriana. Ma il vero pezzo forte della Scottish National Portrait Gallery è la Sala Grande, attorno alla quale risalta il fregio dorato dipinto dall’artista William Hole, raffigurante diversi personaggi famosi della storia scozzese.

Mini guida dei musei gratuiti di Edimburgo: quali vedere in pochi giorni

Ad Edimburgo esistono molti altri musei pubblici gratuiti, che purtroppo noi non abbiamo fatto in tempo a visitare per via dei pochi giorni che avevamo a disposizione: recuperare quelli che ci mancano potrebbe essere una buona scusa per tornare in città una seconda volta, non credete anche voi?

10 commenti

  • Stefania Ciocconi

    gennaio 04, 01 2018 12:13:06

    Amando Van Gogh visiterei senza dubbio la Scottish National Gallery! Ormai ho deciso questa estate mi attendono Edimburgo e la Scozia 🙂

    • Chiara

      gennaio 09, 01 2018 10:55:40

      E io seguirò il tuo itinerario ad Edimburgo e soprattutto nei dintorni! 🙂

  • Destinazione mondo 20

    gennaio 04, 01 2018 05:45:49

    Rivedere Edimburgo attraverso queste foto o anche solo sentirla nominare, ci fa venire una stretta di nostalgia al cuore ❤️

    • Chiara

      gennaio 09, 01 2018 10:59:58

      Anch’io ammetto di averne sentito la nostalgia intanto che scrivevo l’articolo! 🙂

  • Giulia

    gennaio 04, 01 2018 05:46:04

    Mi piacerebbe molto visitare Edimburgo, speriamo di farcela quest’anno! Mi ispira soprattutto la Scottish National Gallery 🙂

    • Chiara

      gennaio 09, 01 2018 11:01:08

      Edimburgo merita davvero molto, ti auguro davvero di riuscire a visitarla quest’anno!

  • ESTERofili

    gennaio 10, 01 2018 09:40:01

    Se ripenso a Edimburgo ricordo 4 giorni di meraviglia quasi un anno fa, anche il tempo ci ha graziato. Forse è per questo che solo un museo è rientrato nel programma di viaggio
    Ma che voglia di tornarci, anche se non è la meta più economica. Il museo degli scrittori sarebbe il pieno della lista!
    Ester

    • Chiara

      gennaio 16, 01 2018 11:28:19

      Allora hai fatto proprio bene ad approfittare dei giorni di sole stando all’aperto! Se dovessi tornare, hai già un po’ di materiale da aggiungere in lista! 🙂

  • Serena

    gennaio 10, 01 2018 12:26:21

    Ma che bella questa cosa dei musei gratuiti! Pensa che qualche anno fa era una nostra possibile meta,che però abbiamo dovuto scartare proprio perché alla fine facendo due conti diventava troppo dispendioso per il momento in cui eravamo. In ogni caso rimane in lista e tengo conto dei tre musei che hai raccontato:il primo quello più piccolo e riservato è delizioso! Ma anche il Grande Scottish national museum mi ispira essendoci un sacco di opere di artisti famosi, a me piacciono molto le pinacoteche, quindi più buono per me che per te

    • Chiara

      gennaio 16, 01 2018 11:30:15

      In effetti Edimburgo non è proprio una meta a buon mercato…servono un po’ di accorgimenti per non lasciare là un patrimonio! 🙂 Ti auguro cmq di riuscire ad andarci presto perché è davvero bella! 🙂

Lascia un Commento