Visita al Castello di Ambras: cosa vedere nei dintorni di Innsbruck

Ebbene sì, lo ammetto, di solito il primo dell’anno mi piace dormire fino a tardi al caldo sotto le coperte, ma per lo scorso Capodanno siamo riusciti ad organizzare un bel viaggio di quattro giorni ad Innsbruck in compagnia di un gruppo di amici, quindi il primo di gennaio non potevamo assolutamente perdere tempo a poltrire con tutto quello che c’era da vedere in questa graziosa cittadina e nei suoi immediati dintorni.

Così non ci siamo fatti mancare una bella visita al castello di Ambras, perché in questo giorno un po’ particolare avevamo controllato su Internet ed eravamo sicuri che fosse aperto, dal momento che vi si può accedere tutti i giorni dalle 10 alle 17 (tranne nel mese di novembre in cui rimane chiuso).

Visita al Castello di Ambras con le neve: cosa vedere nei dintorni di Innsbruck

Il Castello di Ambras è situato sulle colline nei pressi di Innsbruck ed è facilmente raggiungibile dal paese anche con i mezzi pubblici, anche se noi avendo la macchina abbiamo preferito utilizzare quella, lasciandola nel parcheggio gratuito appena fuori dal portone (senza avere problemi per trovare posto perché in effetti c’eravamo quasi solo noi!).

Appena entrati nel parco siamo stati accolti da un tappeto bianco e luminoso…di neve! Il giorno prima infatti era nevicato tantissimo e la neve si era depositata compatta sui giardini del castello, regalandoci uno spettacolo estremamente suggestivo.

Per prima cosa ci siamo però avviati verso gli interni del castello, che si possono visitare liberamente ad un costo di 8 Euro nei mesi invernali (mentre sale a 12 Euro da aprile a ottobre).

Visita al Castello di Ambras: cosa vedere nei dintorni di Innsbruck

Visita al Castello di Ambras: cosa vedere nei dintorni di Innsbruck

Visita al Castello di Ambras: cosa vedere nei dintorni di Innsbruck

Il Castello di Ambras venne fatto costruire dall’arciduca Ferdinando II, che cercò di valorizzarne le sale esponendovi le sue collezioni come se fossero delle vere e proprie gallerie d’arte. Nella prima parte della visita si può ammirare l’armeria, dove sono appunto conservate numerose armature ed armi da combattimento.

Visita al Castello di Ambras: armeria

Visita al Castello di Ambras: armeria

Visita al Castello di Ambras: armeria

La seconda parte della visita invece è alquanto curiosa, in quanto si entra in una galleria molto particolare chiamata “Camera dell’arte e delle curiosità”, che racchiude un’infinita di oggetti strani e bizzarri, realizzati principalmente in legno, avorio e corallo, attraverso i quali Ferdinando II voleva probabilmente esternare il suo interesse verso l’inusuale e il grottesco. Un’immersione nell’insolito che non mi è affatto dispiaciuta!

Visita al Castello di Ambras: Camera dell'arte e delle curiosità

Visita al Castello di Ambras: Camera dell'arte e delle curiosità

Visita al Castello di Ambras: Camera dell'arte e delle curiosità

Nella terza parte della visita si entra nella decoratissima “Sala Spagnola”, annoverata tra i più significativi esempi di saloni rinascimentali; venne fatta costruire nel 1569-1572 su volere dell’Arciduca Ferdinando II come sala di rappresentanza ed era utilizzata principalmente in occasione di feste ed eventi mondani. Ancora oggi al suo interno vengono organizzati dei concerti, soprattutto nei mesi estivi.

Ad alcuni miei amici questa sala non è piaciuta particolarmente perché l’hanno giudicata un po’ disadorna come mobilio, invece a me ha assolutamente affascinato con i suoi colori vivi e con il suo corridoio lungo ben 43 metri, ai lati del quale si affacciano i ritratti a figura intera dei più importanti sovrani tirolesi.

Visita al Castello di Ambras: Sala Spagnola

Visita al Castello di Ambras: Sala Spagnola

Visita al Castello di Ambras: Sala Spagnola

Il giro del castello si è poi concluso con la visita al cortile interno, racchiuso su ogni lato da pitture monocromatiche definite a grisaille (ovvero dipinte in varie tonalità di grigio sull’intonaco fresco) e alla Cappella di San Nicola, risalente al 14 secolo e contenente il pregiato Altare di San Giorgio, realizzato per Massimiliano da Sebold Bocksdorfer; nelle sue ali laterali sono raffigurati i Santi Cristoforo, Caterina, Barbara e Floriano.

Visita al Castello di Ambras: cortile interno

Visita al Castello di Ambras: Cappella di San Nicola

Visita al Castello di Ambras: Cappella di San Nicola

Al termine della visita al Castello di Ambras non abbiamo resistito a fare un giro nel parco, anche se la neve alta rendeva un po’ difficoltosi i nostri passi; siamo comunque riusciti ad ammirare il panorama e le montagne completamente bianche, anche se la passeggiata si è conclusa com’era inevitabile…a palle di neve!

Visita al Castello di Ambras: cosa vedere nei dintorni di Innsbruck

Leave a Reply