Itinerario della Valle d’Aosta in macchina: cosa vedere in 4 giorni

Come vi avevo già anticipato qualche articolo fa, quest’anno, per il nostro consueto viaggio di Capodanno, abbiamo deciso di non spostarci molto, ma siamo rimasti entro i confini italiani per esplorare una delle regioni che avevamo appena sfiorato qualche tempo fa, ovvero la Valle d’Aosta. Nonostante avessi amato immensamente cominciare il 2019 in una capitale cosmopolita come Amsterdam, tuttavia non mi è dispiaciuto nemmeno cambiare registro, e trascorrere questo momento in una città a misura d’uomo come quella di Aosta. Oggi voglio illustrarvi nel dettaglio il nostro itinerario della Valle d’Aosta in macchina, con tutti i miei consigli su cosa fare e vedere in 4 giorni fra cittadine, castelli e panorami mozzafiato.

Pronti a scoprire questa terra insieme a me?

Itinerario della Valle d’Aosta in macchina: primo giorno

La mattina della partenza ci siamo alzati come al solito all’alba, per essere pronti a salire in macchina alle 6,30 e arrivare a destinazione verso le 10,30, dopo 4 ore di viaggio. La tappa iniziale della giornata è stata Castel Savoia, nella località di Gressoney-Saint-Jean, inserito per primo in quanto era il più scomodo a livello di percorso ed il più distante da tutte le altre attrazioni, più vicine tra loro.

Anche il resto della giornata è stato dedicato ai castelli della valle, in particolare al Castello di Issogne, a circa un’ora di macchina dal precedente, e a quello di Verrès, praticamente dirimpettaio rispetto a quest’ultimo (raggiungibile in appena 5 minuti di auto).

Illustrandovi in questo articolo soltanto le tappe del nostro itinerario della Valle d’Aosta in macchina con spostamenti e consigli pratici, vi rimando a quello più dettagliato sui castelli se volete avere informazioni specifiche su queste splendide dimore signorili. 

Terminata la visita a questi tre castelli, ci siamo sistemati nel nostro alloggio per la serata.

Itinerario della Valle d'Aosta in macchina: cosa vedere in 4 giorni

Itinerario della Valle d’Aosta in macchina: secondo giorno 

Il secondo giorno alla scoperta della Valle d’Aosta è cominciato ad un orario “più umano”, ma è sempre stato caratterizzato da un tour dedicato ai suoi castelli, rimandando la visita al capoluogo di Aosta alle giornate successive.

In particolare, siamo riusciti ad inserirne ben tre: il Castello Gamba, in località Châtillon, il Castello di Ussel, a circa una decina di minuti di macchina e visitabile soltanto dall’esterno, e il Castello di Cly, nel comune di Saint-Denis a poco più di una ventina di minuti d’auto da quest’ultimo, e anch’esso non accessibile all’interno. Sul finire della giornata ci siamo diretti anche al Castello di Fénis, ma abbiamo dovuto rinunciare all’ingresso perché tutte le visite guidate erano già piene e non abbiamo più trovato posto.

Itinerario della Valle d'Aosta in macchina: cosa vedere in 4 giorni

Itinerario della Valle d’Aosta in macchina: terzo giorno 

Il terzo giorno è iniziato come da previsione con la visita al Castello di Fénis, dove stavolta siamo riusciti ad entrare avendo prenotato in anticipo i biglietti sul sito online; il nostro tour era il primo della mattinata alle ore 10, e nella restante parte della giornata ci siamo dedicati alla scoperta della città di Aosta.

Dopo aver lasciato la macchina in un comodo parcheggio gratuito nei pressi della stazione, abbiamo esplorato a piedi questa graziosa cittadina assolutamente a misura d’uomo, scoprendo le sue chiese e facendo il giro delle porte e delle torri, oltre a quello delle sue attrazioni più importanti: il Teatro Romano (aperto e gratuito in occasione dei mercatini natalizi), il Criptoportico Forense, il Museo Archeologico Regionale e la Chiesa Paleocristiana di San Lorenzo. Per conoscere nel dettaglio le caratteristiche dei monumenti visitati, vi rimando al mio articolo specifico Cosa vedere ad Aosta in un weekend: guida alle attrazioni da non perdere.

Itinerario della Valle d'Aosta in macchina: cosa vedere in 4 giorni

Itinerario della Valle d’Aosta in macchina: quarto giorno 

Anche il quarto ed ultimo giorno alla scoperta della regione è stato suddiviso fra la visita ai castelli che ancora ci mancavano e un secondo giro tra le vie del capoluogo valdostano. 

Le prime due sfarzose dimore del nostro tour sono state il Castello di Sarre e il Castello di Sarriod La Tour, a poco più di 5 minuti di macchina l’uno dall’altro, entrambi accessibili internamente con visite guidate. Ripresa l’auto, ci siamo invece recati a vedere altri due castelli dall’esterno, nei quali non è possibile entrare in quanto privati o attualmente in ristrutturazione: il Castello di St. Pierre e quello di Aymavilles.

Terminata la visita a quest’ultimo, siamo ritornati in città ad Aosta, per concludere il giro delle attrazioni rimaste indietro dal giorno precedente: la Collegiata dei Santi Pietro ed Orso, dove ci aspettava una visita guidata nel primo pomeriggio, e l’Area Megalitica, nella quale, fino a marzo, era stata allestita una mostra dedicata ai dinosauri. 

Itinerario della Valle d'Aosta in macchina: cosa vedere in 4 giorni

Come risparmiare in un viaggio in Valle d’Aosta

Non dobbiamo prenderci in giro, viaggiare nel periodo di Capodanno non è proprio a buon mercato, e la Valle d’Aosta non fa certo eccezione, essendo una meta molto gettonata per gli amanti dello sci e della neve. Per questo bisogna trovare il modo di risparmiare un po’ e di ammortizzare il più possibile i costi, cosa che noi abbiamo provato a fare avvalendoci della card Abbonamento Musei della Lombardia, nella quale da quest’anno è stata inserita anche la Valle d’Aosta: al costo di 45 Euro, questo pass consente di visitare gratuitamente le attrazioni più importanti di entrambe le regioni, ed ha la comoda durata di 1 anno.

Devo ammettere che noi abbiamo trovato questo strumento piuttosto valido, e il vantaggio aumenterà sempre di più in base a quante attrazioni riuscirete a visitare: noi, per la sola Valle d’Aosta, avremmo speso un totale di 56 Euro (contro i 45 del costo della card ed essendo già stati al Forte di Bard) e contiamo di incrementare molto il risparmio con varie gite in Lombardia!

Capodanno in Valle d’Aosta: dove alloggiare, dove mangiare e cosa fare

Per il nostro Capodanno in Valle d’Aosta abbiamo scelto di pernottare nella periferia di Aosta, a La Maison de Vali, che dista dal centro vero e proprio circa 10/15 minuti di macchina; quest’alloggio non è stato proprio a buon mercato, ma dato il periodo di alta stagione non ci è stato possibile ridurre il budget sotto questo aspetto. L’appartamento era comunque confortevole e ben riscaldato, con un comodo parcheggio privato e un bagno molto ampio. 

Per la sera dell’ultimo dell’anno ci siamo organizzati come facciamo di solito quando la trascorriamo in viaggio: cena in un locale deciso all’ultimo istante, di quelli dove c’è molto ricambio e si trova sempre posto senza bisogno di prenotare (quest’anno per esempio siamo finiti all’Old Wild West), giro a piedi per il centro e fuochi di mezzanotte, poi rientro quasi immediato nel nostro alloggio per essere pronti ad un Capodanno sempre all’insegna della scoperta.

Questo è stato nel dettaglio il nostro itinerario della Valle d’Aosta in macchina in 4 giorni, secondo voi siamo riusciti a visitare il più possibile o abbiamo tralasciato qualcosa di imperdibile? Se avete suggerimenti scrivetemeli pure nei commenti! 

Itinerario della Valle d'Aosta in macchina: cosa vedere in 4 giorni

Leave a Reply