Cosa vedere a Vercelli in un giorno: itinerario a piedi

Da quando qualche mese fa abbiamo acquistato l’Abbonamento Musei Piemonte, ci siamo subito resi conto che molte destinazioni di questa regione non sono proprio dietro l’angolo per noi che veniamo dall’Emilia Romagna. Per cercare di sfruttarla al meglio, abbiamo deciso di alternare alcuni giri più lunghi (come il viaggio di quest’estate nelle Langhe) a qualche gita in giornata, come ad esempio quella di un paio di settimane fa a Vercelli: anche questa città non è proprio comodissima (3 ore all’andata e altrettante al ritorno partendo da Bologna), ma il suo centro storico è abbastanza compatto e siamo riusciti a visitare tutte le attrazioni in programma senza problemi. In questo articolo, vi lascio tutti i miei consigli su cosa vedere a Vercelli in un giorno, con l’itinerario dettagliato che abbiamo seguito noi per ottimizzare al meglio il tempo a disposizione. 

Visitare Vercelli in un giorno: itinerario e attrazioni da vedere 

Vercelli non è sicuramente fra le città piemontesi (o italiane) più famose o conosciute, ma posso assicurarvi che ci ha riservato qualche piacevole sorpresa e che mi sento assolutamente di consigliarvela.

Come vi ho appena anticipato, il tragitto da Bologna non è dei più corti, quindi come al solito ci siamo dovuti svegliare all’alba per essere in città verso le 10, orario di apertura di alcune attrazioni che volevamo visitare, e abbiamo parcheggiato l’auto in un comodo parcheggio gratuito proprio nei pressi della prima di queste, il MAC – Museo Archeologico Civico.

Sinceramente questo primo museo, dedicato a Luigi Bruzza, padre barnabita ed illustre studioso della storia e dell’archeologia vercellese, non ci ha particolarmente colpiti: l’esposizione si trova all’interno dell’ex monastero di Santa Chiara e racconta la storia dell’antica Vercelli, ma l’allestimento non è particolarmente ampio e noi abbiamo impiegato non più di mezz’ora per percorrere tutte le sale, organizzate secondo un ordine sia cronologico che tematico.

Il MAC è aperto tutti i giorni tranne il lunedì, dal martedì al venerdì solo nel pomeriggio dalle 15 alle 17,30 ed il sabato e la domenica con orari 10-12 e 15-18; il costo del biglietto è di 7 Euro, con il quale è possibile visitare gratuitamente anche il Museo Leone, dove saremmo andati dopo pranzo.

Cosa vedere a Vercelli in un giorno: MAC - Museo Archeologico Civico

Di tutt’altro genere è la seconda attrazione che abbiamo visitato in mattinata, il Museo Borgogna, dove ogni sala è più bella della precedente, e nel quale ci siamo piacevolmente persi per almeno un’ora e mezza. D’altronde, questa casa museo è considerata una delle più importanti pinacoteche del Piemonte, aperta al pubblico nel 1908 per volontà testamentaria di Antonio Borgogna, avvocato vercellese appassionato di viaggi e collezionista, che la dedicò al padre Francesco. 

L’esposizione permanente si sviluppa su due livelli: al piano terra potrete ammirare le belle stanze impreziosite da una selezione di oggetti di arte decorativa e mobili acquistati in giro per l’Italia e all’estero, mentre il primo piano è dedicato soprattutto all’arte pittorica e scultorea. L’unico inconveniente di questa attrazione è che è vietato fare foto al suo interno, se non acquistando un pass dal costo di 5 Euro (unicamente per il fotografo, permesso che noi ovviamente abbiamo preso); i controlli sono molto ferrei, in quanto una guida vi seguirà in ogni sala, quindi dovrete decidere il da farsi una volta arrivati in biglietteria. 

Il Museo Borgogna è aperto tutti i giorni tranne il lunedì, ed il costo del biglietto è di 10 Euro (non economico ma ben spesi).

Cosa vedere a Vercelli in un giorno: Museo Borgogna

Dal momento che gli altri musei che avremmo dovuto visitare avrebbero aperto soltanto nel pomeriggio, ci siamo dedicati nella tarda mattinata ad un giro libero per la città, cominciando dalla Chiesa di San Francesco, situata proprio a fianco del Museo Borgogna, importante chiesa gotica ma con la facciata barocca. Siccome non avevamo abbastanza tempo per mangiare in un ristorante, ci siamo fermati per un pranzo al sacco seduti sulle panchine davanti al Castello Visconteo, imponente costruzione a pianta quadrangolare oggi sede del Tribunale e visitabile quindi soltanto dall’esterno.

Cosa vedere a Vercelli in un giorno: Castello Visconteo

Dirigendoci verso il centro siamo passati davanti alla Sinagoga e attraversato la piccola Piazza di Palazzo Vecchio, conosciuta anche come Piazza dei Pesci, sulla quale spicca la Torre Comunale, di origine medievale. Fulcro della vita cittadina è Piazza Cavour, dominata dalla statua dedicata a questo celebre personaggio, anche se in realtà quando siamo arrivati noi c’era pochissima gente in giro, nonostante fosse una bella domenica di sole. Se siete interessati, è proprio qui che si affaccia la Trattoria Paolino, vincitrice di una puntata del programma “4 Ristoranti”, che a noi ispirava molto, ma che non siamo riusciti a provare per mancanza di tempo e anche perché era già tutto pieno (è assolutamente consigliata la prenotazione).

Cosa vedere a Vercelli in un giorno: Piazza Cavour

Ai margini del centro storico abbiamo raggiunto la Basilica di Sant’Andrea, maestoso esempio di fusione fra lo stile romanico lombardo e l’architettura gotica d’oltralpe, dall’interno a tre navate; durante la visita, non perdetevi anche il suo chiostro cinquecentesco, a cui si accede da una porta un po’ nascosta sul lato sinistro.

Cosa vedere a Vercelli in un giorno: Basilica di Sant'Andrea

Altra chiesa da non perdere a Vercelli è la Cattedrale di Sant’Eusebio, anch’essa a tre navate, alla quale si può accedere liberamente; dopo la visita, abbiamo aspettato per una decina di minuti l’apertura del Museo del Tesoro del Duomo e l’Archivio Capitolare, situato nel Palazzo Arcivescovile proprio lì accanto, che conserva un’importantissima raccolta di oggetti e reliquiari che testimoniano la millenaria storia della chiesa di Vercelli. Il costo del biglietto di ingresso è di 5 Euro e la visita dura all’incirca una mezz’ora.

Cosa vedere a Vercelli in un giorno: Museo del Tesoro del Duomo

L’ultima attrazione che abbiamo visitato nel pomeriggio è stato il Museo Camillo Leone, dedicato a questo notaio e collezionista vercellese. L’esposizione si sviluppa all’interno di due edifici storici collegati, la cinquecentesca Casa Alciati ed il settecentesco Palazzo Langosco, ed ospita una collezione eterogenea ed eclettica, dove spiccano armi preistoriche, corredi di tombe egizie, vasi etruschi, mosaici medievali, porcellane, argenti e dipinti di epoca moderna. Il biglietto di ingresso ha un costo di 9 Euro ed il giro completo ci ha tenuti impegnati per poco più di un’ora.

Cosa vedere a Vercelli in un giorno: Museo Camillo Leone

Usciti dal museo poco prima delle 17, abbiamo trovato un centro storico molto più attivo, animato da molte persone uscite per fare l’aperitivo, così anche noi ci siamo fatti contagiare dal clima mondano e ci siamo fermati per una merenda golosa in una pasticceria nei pressi della macchina, concludendo così nel migliore dei modi la nostra giornata alla scoperta di Vercelli.

[Un consiglio per risparmiare a Vercelli: noi, come vi ho già spiegato all’inizio dell’articolo, eravamo in possesso dell’Abbonamento Musei Piemonte, quindi abbiamo visitato gratuitamente tutte le attrazioni a pagamento, ma abbiamo scoperto sul posto che esiste un comodissimo biglietto cumulativo che al costo di 18 Euro vi consentirà di accedere ai 4 musei che abbiamo inserito nel nostro itinerario di viaggio, e che a prezzo pieno costerebbero un totale di 31 Euro].

Leave a Reply