Itinerario a piedi per Novara: cosa vedere in un giorno

Novara è una cittadina piemontese non troppo conosciuta o pubblicizzata a livello turistico, e anche noi in effetti non l’avevamo mai presa in considerazione prima di ritrovare qualcuna delle sue attrazioni comprese nel nostro Abbonamento Musei Piemonte; da Bologna non è proprio dietro l’angolo (occorrono infatti all’incirca 2 ore e 45 per raggiungerla), ma monitorando il suo centro storico su Google Maps abbiamo notato che è alquanto raccolto, e per questo motivo l’abbiamo scelta per una delle nostre gite fuoriporta domenicali. Se anche voi ora siete incuriositi da questa città un po’ inusuale e volete visitarla ottimizzando il tempo che avete a disposizione, vi lascio il mio itinerario a piedi per Novara personalmente testato.

Cosa vedere in un giorno a Novara: itinerario a piedi

Comincio col dirvi che Novara, come primo impatto, non ci ha fatto proprio una buonissima impressione: pur essendo arrivati in tarda mattinata, un po’ prima delle 11, non abbiamo incontrato praticamente nessuno in giro, i negozi erano tutti chiusi e non abbiamo neppure trovato un bar dove fare una colazione tardiva, tutto questo percorrendo un tratto di Corso Cavour che si trova già in pieno centro storico.

La nostra prima tappa era la Cupola di San Gaudenzio, ovvero la principale attrazione della città, di cui avevamo già sentito parlare durante la nostra precedente salita al Santuario di Vicoforte e che, per nostra grande fortuna, è stato inserita quest’anno fra le attrazioni gratuite comprese nel nostro Abbonamento Musei Piemonte.

Itinerario a piedi per Novara: Cupola di San Gaudenzio

Anche questa esperienza è gestita dall’Associazione culturale Kalatà, e vi consiglio come abbiamo fatto noi di prenotare i biglietti online in anticipo, i gruppi non sono grandi (da circa 20 persone), e chi è arrivato direttamente alla biglietteria non è riuscito ad entrare nel nostro turno. Le visite sono esclusivamente guidate, vengono fatte nei giorni di venerdì, sabato, domenica e festivi con orari 9,30-11,30-14,30-16,30 e 18,30 e prevedono 2 tipologie di percorso: la salita alla cupola, della durata di un’ora e mezza e dal costo di 12 Euro, che arriva fino a 75 metri di altezza, e la salita alla guglia (il percorso completo), della durata di 2 ore e dal costo di 15 Euro, che arriva fino a 100 metri di altezza.

La Cupola di San Gaudenzio è considerata il capolavoro dell’architetto Alessandro Antonelli, simbolo di Novara ed elemento inconfondibile del suo skyline, e oggi è possibile scoprirla attraverso camminamenti fino a poco tempo fa esclusi dai circuiti tradizionali di visita. Il percorso comincia subito con un bel tratto di 144 scalini, fortunatamente non troppo alti, mentre il resto della visita intervalla le salite ai momenti di spiegazione, quindi è abbastanza gestibile per tutti. Arrivati alla cupola, si accede al primo punto panoramico, ed è qui che il gruppo si divide: chi ha scelto questa opzione ridiscende con un addetto alla sicurezza, mentre gli altri proseguono il percorso muniti di caschetto ed imbragatura.

Itinerario a piedi per Novara: Cupola di San Gaudenzio

Per arrivare alla guglia infatti, bisognerà salire altre due scale, una stando agganciati alla parete con i moschettoni per motivi di sicurezza, e un’altra più piccola a chiocciola (un po’ claustrofobica ma fattibile), e da qui si accede al secondo punto panoramico a 100 metri, dal quale si può ammirare uno splendido panorama sulla città e, nelle giornate limpide, far spaziare lo sguardo fino ai grattacieli di Milano. 

Itinerario a piedi per Novara: Cupola di San Gaudenzio - Panorama

Una volta ridiscesi abbiamo fatto un giro nella sottostante Basilica di San Gaudenzio, approfittando del fatto che non fosse in corso la Messa; adiacente alla biglietteria di Kalatà si trova anche il Museo di Storia Naturale Faraggiana Ferrandi, che noi però non abbiamo visitato, perché si erano ormai fatte le 13,30 e volevamo cercare un locale dove pranzare.

Itinerario a piedi per Novara: Basilica di San Gaudenzio

Abbiamo così ripercorso una parte di strada fatta all’andata e ci siamo fermati al Gran Bar, che si affaccia su Piazza Cavour, dove con 15 Euro a testa ci siamo saziati con un piatto di pasta, un hamburger e un paio di mignon dolci (la pasticceria qui è molto fornita e sono sicura che troverete come me qualcosa di vostro gradimento!).

Itinerario a piedi per Novara: Piazza Cavour

Nel pomeriggio l’atmosfera generale di Novara è cambiata radicalmente, molta gente ha infatti approfittato della bella giornata di sole per uscire a passeggiare; noi ci siamo immessi in Corso Italia, una delle vie principali del centro storico, e l’abbiamo trovata trafficata e vivace. 

Subito dopo pranzo ci siamo diretti alla Galleria d’Arte Moderna Paolo e Adele Giannoni, ospitata nel Complesso del Broletto in un cortile interno proprio di fronte al Duomo, che racchiude al suo interno l’importante raccolta di pittura e scultura donata da Alfredo Giannoni alla città negli anni ’30 del secolo scorso. Lungo il percorso troverete più di 250 opere di artisti prestigiosi datate tra fine Ottocento e inizio Novecento, quindi mettete in conto almeno 40/45 minuti per visitare tutta l’esposizione con calma; questa attrazione è sempre compresa gratuitamente nell’Abbonamento Musei Piemonte, altrimenti il costo del biglietto è di 5 Euro.

Itinerario a piedi per Novara: Palazzo del Broletto

Proprio alle 15 hanno aperto il cancello della Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta, così siamo potuti entrare a visitarla: l’ingresso è libero e gratuito e gli interni mi hanno piacevolmente stupito per via delle colonne possenti ed interamente decorate, a Novara mi sarei aspettata qualcosa di decisamente più semplice. Dal cortile interno è possibile raggiungere il chiostro, dove si trovano anche i Musei della Canonica del Duomo, che però abbiamo trovato chiusi e che osservano orari di apertura molto ristretti. 

Itinerario a piedi per Novara: Duomo

Proseguendo lungo Corso Italia, abbiamo raggiunto Piazza Martiri della Libertà, sulla quale si affaccia il Castello Visconteo Sforzesco di Novara, edificio di carattere militare che ospita oggi convegni, presentazioni, mostre temporanee ed eventi privati. Sui restanti tre lati è circondato dal Giardino dei Giusti, il parco cittadino dove abbiamo fatto una piacevole passeggiata prima di ripercorrere la strada a ritroso e ritornare alla macchina.

Itinerario a piedi per Novara: Giardino dei Giusti

Questo è stato il nostro itinerario a piedi per Novara, e voi? Avevate mai preso in considerazione questa cittadina per una gita fuoriporta in giornata?



Booking.com

Leave a Reply