Itinerario della Toscana orientale: alla scoperta dei dintorni di Arezzo

La Toscana orientale è forse la parte meno turistica dell’intera regione, quella ancora poco visitata e nella quale si può ancora respirare un grande senso di pace e tranquillità, merito anche dei numerosi santuari, eremi o monasteri arroccati su speroni di roccia o isolati in folti boschi che contribuiscono ad infondere una nuova calma interiore a chi si immerge in queste terre. L’ideale sarebbe disporre di almeno un paio di giorni per poter visitare senza fretta i dintorni di Arezzo, magari tenendo come base proprio questa città, e da qui spostandosi nelle vicinanze: in questo articolo, voglio proprio illustrarvi il nostro itinerario della Toscana orientale di tre giorni, fatto in un gradevole weekend lungo di aprile.

Itinerario della Toscana orientale: cosa vedere ad Arezzo 

Arezzo è ancora oggi una meta alquanto trascurata rispetto alle più famose Firenze o Pisa (solo per citarne un paio), ma sicuramente non è da sottovalutare in quanto è stata abbellita da artisti del calibro di Piero della Francesca e Vasari, quest’ultimo originario proprio di questa città.

Itinerario della Toscana orientale: Fontana della Chimera, Arezzo

Il fulcro di Arezzo è sicuramente Piazza Grande, definita anche piazza Vasari per il contributo che le diede il celebre architetto, costruendo il Palazzo delle Logge che si affaccia proprio su di essa; tuttavia la caratteristica principale di questa piazza è quella di essere stata collocata su un terreno in discesa, particolarità ben visibile se la si osserva dalla parte opposta!

Itinerario della Toscana orientale: Piazza Grande, Arezzo

Altro importante monumento della città è il Duomo, dedicato a San Donato, che conserva al suo interno un significativo affresco di Piero della Francesca, la “Maddalena”, risalente al 1465 circa e situato accanto alla porta della sagrestia.

Itinerario della Toscana orientale: la Maddalena, Duomo di Arezzo

La Cattedrale è senza alcun dubbio la chiesa più imponente di tutta Arezzo, che tuttavia vi offre anche chiese di più modeste dimensioni contenenti opere d’arte importanti, prima fra tutte la Chiesa di San Francesco con il ciclo di affreschi La Leggenda della vera Croce di Piero della Francesca, considerato uno dei grandi capolavori del Rinascimento, o la Chiesa di San Domenico che ospita il Crocifisso di Cimabue, che il pittore realizzò durante il periodo giovanile. 

Itinerario della Toscana orientale: Chiesa di San Domenico, Arezzo

Meritano un passaggio anche i ruderi dell’Anfiteatro Romano e la bella Chiesa di Santa Maria delle Grazie, eretta nella prima metà del XV secolo ed introdotta da un ampio porticato esterno intervallato da colonne corinzie. Infine una curiosità, se cercate la Fontana della Chimera come ho fatto io, non spaventatevi se la trovate completamente secca! Le fontane sono due, una di fianco all’altra, e quella ufficiale è funzionante!

Itinerario della Toscana orientale: Chiesa di Santa Maria delle Grazie, Arezzo

Cosa vedere nei dintorni di Arezzo: qualche ulteriore consiglio

Nei dintorni di Arezzo non potete assolutamente perdervi la suggestiva cittadina di Cortona, risalente addirittura all’epoca etrusca. Di piccole dimensioni, ma che di certo vi conquisterà con le sue stradine strette pavimentate a lastroni e le sue costruzioni ben conservate che in un attimo vi riporteranno indietro nel tempo.

Interamente circondato da una cerchia di mura che vennero solamente rinforzate nel Medioevo, questo borgo vede in Piazza della Repubblica e Piazza Signorinelli il fulcro del suo centro storico: queste hanno oggi nomi diversi e sono fra loro divise, ma fino al XIII secolo erano uno spazio unico, dove si intrecciavano le principali strade del traffico etrusco e romano. Sulla prima svetta Palazzo Comunale, la cui torre centrale simboleggia l’ampliamento e l’unione di due corpi adiacenti nel XVI secolo, mentre sulla seconda si affaccia Palazzo Casali, divenuto oggi sede del Museo dell’Accademia Etrusca, che noi abbiamo visitato soltanto esternamente.

Itinerario della Toscana orientale: Palazzo Comunale, Cortona

Dietro al Palazzo Comunale si trova Piazza del Duomo con la Cattedrale dalla facciata rinascimentale, principale luogo di culto di Cortona; passeggiando per il centro storico potrete ammirare altre chiese minori, tra le quali San Cristoforo, San Niccolò e San Francesco, oltre all’imponente Santa Margherita dai soffitti dipinti di blu. Spaziando con lo sguardo sulle verdi campagne intorno al borgo, potrete anche scorgere il profilo della Madonna del Calcinaio, caratterizzata da una cupola ottagonale.

Dopo un giro rilassante all’interno del parco pubblico, abbiamo raggiunto in macchina l’Eremo Francescano “Le Celle”, luogo religioso distante appena dieci minuti dal centro di Cortona ed immerso nella natura incontaminata: famoso per avere a lungo ospitato San Francesco, è sicuramente una meta da inserire nel vostro itinerario della Toscana orientale se siete alla ricerca di un po’ di pace e tranquillità interiore.

Itinerario della Toscana orientale: Eremo di San Francesco "Le Celle"
Altra importante attrazione nei dintorni di Arezzo è il Castello di Poppi, a poco meno di un’ora di distanza dalla città; questo castello medievale domina dall’alto il borgo di Poppi con la sua torre decentrata che svetta verso il cielo, ed è considerato il simbolo dell’intero Casentino, visto che lo si può osservare da ogni punto di questa valle.

Edificato tra la fine del XII e gli inizi del XIV secolo come struttura fortificata dalla nobile famiglia dei Conti Guidi, che in quel periodo dominava sul borgo, assunse ben presto fattezze diverse, divenendo sempre più somigliante a Palazzo Vecchio di Firenze.

Il castello, noto anche con il nome di Palazzo dei Conti Guidi, si può visitare liberamente al costo di 6 Euro, e alcuni ambienti al suo interno accolgono la Mostra Permanente della Battaglia di Campaldino.

Itinerario della Toscana orientale: Castello di Poppi

Per completare il nostro giro di tre giorni nei dintorni di Arezzo, abbiamo fatto anche una breve incursione al duecentesco Castello di Montecchio per ammirare le sue imponenti mura esterne, e al piccolo centro di Castiglion Fiorentino, grazioso borgo arroccato su un colle della Valdichiana.

Itinerario della Toscana orientale: Castello di Montecchio

Itinerario della Toscana orientale: Castiglion Fiorentino

E quindi, dopo aver letto questo articolo, volete ancora limitarvi alla conoscenza della sola Firenze (seppur bellissima!), o volete provare a scoprire anche questa parte di Toscana più nascosta?

Nessun commento

  • JuNick

    Luglio 10, 07 2014 02:51:51

    merci pour le partage. bonne journée

Leave a Reply